Startup a #GEC2015: esperienze a confronto

Al #GEC2015 il Premio Gaetano Marzotto ha raccontato le esperienze delle startup vincitrici nelle passate edizioni. L’obiettivo del Premio consiste nell’aiutare giovani imprese innovative a trovare le energie e le risorse per affrontare le sfide dello sviluppo delle idee.

Emil Abirascid, Presidente del Comitato di Selezione del Premio Marzotto, ha moderato il panel dal titolo “HOW ARE WE BUILDING OUR TOMORROW?” e ha coinvolto nella discussione alcune delle startup vincitrici.

E’ il caso ad esempio di Tensive, una startup biomedicale che grazie al Premio Marzotto, oggi propone soluzioni per la medicina rigenerativa dei tessuti umani. Nel corso dell’intervento a GEC, Gianfranco Bellezza, CEO Tensive, ha affermato: “Il premio servirà a sviluppare il prodotto per tutto il 2015. Inoltre, con quell’importante contributo abbiamo assunto personale specializzato e allargato il team di ricerca e possiamo essere in trattativa per l’acquisizione della proprietà intellettuale, che intendiamo consolidare anche per l’estero, con la Fondazione Filarete presso la quale abbiamo iniziato a sviluppare la soluzione”.

Grazie al Premio Marzotto, anche un’altra startup è cresciuta ed è pronta per il mercato: si tratta di Solwa, che opera nei settori della “Green Economy” per la sostenibilità dell’ambiente e delle risorse naturali. Paolo Franceschetti, founder e CEO di Solwa, ha raccontato dalla tavola rotonda di GEC gli importanti sviluppi: “L’apporto economico del Premio Gaetano Marzotto ci ha permesso di realizzare e migliorare l’idea iniziale e fare sperimentazione per le successive implementazioni. Il Premio Gaetano Marzotto non è solo un premio economico, ma anche e soprattutto un’ottima occasione per sviluppare network di altissimo profilo”.

Luigi Assom è invece Founder & CEO XDiscovery – Crazy on Human Knowledge, una startup che ha avuto un importante contributo da Hello Tomorrow Challenge. “Grazie al premio, abbiamo potuto sviluppare la nostra idea e cioè creare un “motore di scoperta” che mappando la conoscenza umana, la rete fra le idee, le cose e le persone dà vita ad una gigantesca mind-map della conoscenza umana che serve a trovare ‘come’ quello che conosci è collegato ad altro”.

É intervenuto anche Floriano Bonfigli, Italian Ambassador of Hello Tomorrow Challenge: “Il contributo che realtà come Hello Tomorrow e Premio Marzotto danno all’ecosistema delle startup è fondamentale. Sia in termini di contributi economici, senza i quali certe idee non diverrebbero business plan, sia per la visibilità e l’eco mediatica che riusciamo a dare a questi giovani talenti e ai loro progetti”.